Contributi per l’abbattimento degli interessi passivi su finanziamenti avviati da micro, piccole e medie imprese per investimenti finalizzati allo sviluppo, all’innovazione e alla competitività dell’impresa, per supplire alla carenza di liquidità, per la riduzione delle commissioni di garanzia.

OGGETTO DEL BANDO

La Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali, destina per l’anno 2016 la somma di € 500.000,00 (cinquecentomila/00) , per la concessione di contributi per l’abbattimento degli interessi passivi su finanziamenti concessi da istituti di credito e/o società di leasing, avviati per la realizzazione di investimenti aziendali finalizzati allo sviluppo, all’innovazione e alla competitività dell’impresa e/o per supplire alla carenza di liquidità per la gestione aziendale nonché per la riduzione delle commissioni di garanzia sostenute per il predetto finanziamento.

IMPRESE BENEFICIARIE

Possono beneficiare del presente contributo le imprese:

  • qualificabili come micro, piccole e medie imprese secondo la definizione resa dalla normativa comunitaria recepita a livello nazionale;
  • con sede legale e/o operativa attiva ubicata in provincia di Cosenza regolarmente iscritta al Registro delle Imprese. Nel caso in cui l’impresa abbia più sedi operative, deve essere precisata in modo univoco la sede in cui sarà destinato l’oggetto del finanziamento che deve riguardare in ogni caso unità operative ubicate in provincia di Cosenza;
  • attive nei settori ammissibili ai Regolamenti di esenzione De Minimis (UE) 1407/2013 e 1408/2013, come meglio specificato nel successivo art. 5;
  • in regola col diritto annuale dovuto alla Camera di Commercio di Cosenza;
  • In regola con il DURC;
  • non soggette a procedure di amministrazione controllata, concordato preventivo, fallimento o liquidazione;
  • il cui titolare e/o rappresentante legale non abbia riportato condanne penali o abbia procedimenti penali in corso;
  • che non abbiano beneficiato negli ultimi due anni (2014-2015) né beneficiano nell’anno in corso (2016), di ulteriori contributi concessi dalla Camera di Commercio di Cosenza. Al fine di incentivare l’accesso al credito, qualora l’impresa assegnataria del contributo, sia già stata assegnataria del contributo inerente il bando per l’abbattimento in conto interessi (2014), il contributo verrà erogato per differenza rispetto all’importo già erogato.

Ai fini del presente bando si considera “regolare” con il pagamento del diritto annuale la posizione dell’impresa che:

  1. ha versato, integralmente e nella giusta misura, l’ultimo diritto annuale prima di presentare la domanda di partecipazione al bando di che trattasi;
  2. non ha posizioni di insolvenze relative ad anni precedenti per diritto, sanzioni e interessi (eventuali ruoli devono pertanto risultare pagati e l’eventuale ritardato pagamento – purché effettuato prima di presentare la domanda di contributo – non è da considerarsi motivo di irregolarità).

E’ sanabile la posizione dell’impresa che ha effettuato il pagamento del diritto annuale, sanzioni e interessi per un importo inferiore a quello stabilito per procedere all’iscrizione a ruolo, che la Camera di Commercio non ha formalmente contestato prima che l’impresa presenti la domanda di partecipazione al concorso.

Nei casi in cui si riscontri una “irregolarità sanabile” come sopra  indicato,  le  imprese beneficiarie saranno invitate a trasmettere apposita documentazione comprovante l’avvenuto pagamento entro il termine   massimo di 5 giorni lavorativi dalla ricezione della comunicazione, pena la decadenza dal contributo.

Si raccomanda, in ogni caso, di verificare la propria posizione col pagamento del diritto annuale, prima di presentare la domanda. La regolarizzazione successiva alla data di presentazione della domanda, al di fuori dell’ipotesi sopra indicata, non sana l’irregolarità in modo retroattivo.

CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

L’intervento della Camera di Commercio disciplinato dal presente Bando prevede l’assegnazione di due distinti contributi, richiedibili anche separatamente:

  1. Un contributo pari al 5% ( cinque per cento) per l’abbattimento degli interessi passivi sull’importo  finanziato  che,  non  potrà  essere  inferiore  a  10.000  euro  (diecimila)  né superiore  a  100.000  euro  (centomila).  I  finanziamenti  bancari  di  importi  superiore  al limite  massimo  indicato  saranno  ritenuti  ammissibili  sino  alla  concorrenza  del  limite suddetto.  Pertanto  il  contributo  massimo  per  l’abbattimento  degli  interessi  passivi  è  di 6.000 euro (seimila/00).  Il  finanziamento  oggetto  di  agevolazione dovrà  possedere anche le seguenti caratteristiche:
  1. essere ottenuto (attraverso l’effettiva erogazione)tra il 01/01/2015 e la data di presentazione della domanda di contributo alla Camera di Commercio di Cosenza;
  2. avere una durata superiore ai 12 mesi.
  1. Un contributo volto a ridurre i costi per le commissioni di garanzia ossia le spese sostenute per l’ottenimento del servizio di garanzia prestato dai Confidi e pari al 80% del costo della garanzia stessa fino ad un massimo di 12.000 euro. Non potranno essere computati nei costi sostenuti, ai fini del calcolo del contributo, l’IVA, le eventuali quote sociali e/o associative, gli eventuali fondi cauzionali versati. Ai fini del riconoscimento del contributo:
  1. la garanzia deve essere stata rilasciata dal confidi, con formale deliberazione, tra il 01/01/2015 e la data di presentazione della domandadi contributo alla Camera di Commercio di Cosenza da parte dell’impresa;
  2. il finanziamento assistiti dalla garanzia del confidi deve essere stato effettivamente erogato tra il 01/01/2015 e la data di presentazione della domanda di contributo alla Camera di Commercio di Cosenza;
  3. l’impresa deve avere pagato il Confidi per il rilascio della garanzia nel suo interesse con strumenti di pagamento tracciabili e documentabili (bonifico bancario, rid, assegno bancario con addebito sul conto corrente aziendale).

Ai contributi sarà applicata la ritenuta d’acconto del 4%.

Ogni impresa può chiedere la concessione di entrambi o anche, nel caso in cui abbia ottenuto un finanziamento non assistito dalle garanzie di un confidi, uno solo dei due contributi previsti dal precedente articolo 3.

INTERVENTI AMMESSI

I contributi per l’abbattimento degli interessi passivi sono finalizzati ad agevolare finanziamenti destinati a spese per:

  1. la realizzazione di progetti di investimento per l’innovazione e la competitività dell’impresa;
  2. altre operazioni volte a sostenere la liquidità aziendale (ivi comprese il consolidamento dei debiti, lo smobilizzo del dei crediti, l’anticipo fatture salvo buon fine etc…).

ABBATTIMENTO COSTI PER COMMISSIONI DI GARANZIA

I contributi sul costo delle commissioni dovute sulle garanzie rilasciate e deliberate da un Confidi iscritto nell’elenco speciale degli intermediari finanziari vigilati dalla Banca d’Italia ai sensi dell’art. 106 del Tub (già confidi 107, il relativo elenco è consultabile qui) ovvero nell’elenco generale di cui all’art. 112 del Tub (già confidi 106, il relativo elenco è consultabile qui) a fronte di un finanziamento bancario o di una società di leasing.

In ogni caso è ammessa una sola richiesta per impresa.

Link al bando della Camera di Commercio di Cosenza: click qui.

Visita la sezione Finanziamenti agevolati di Elabora Online, clicca qui.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.