Decreto fiscale: gli emendamenti approvati

Studi di settore, voluntary disclosure, IVA, Tax Day, F24 e gli altri emendamenti approvati al Decreto Fiscale.

Sotto la lente

Addio agli studi di settore, che diventano indicatori di compliance, novità sulle scadenze fiscali (niente più tax day del 16 giugno e reintroduzione del modello F24 cartaceo per le imposte superiori ai mille euro), e sulla voluntary disclosure bis: sono alcuni dei nuovi emendamenti approvati al decreto legge 193/2016, collegato alla Legge di Stabilità 2017 in commissione Bilancio alla Camera. Si tratta del Dl fiscale che contiene anche la misura sulla rottamazione cartelle esattoriali.

Il provvedimento arriva in Aula lunedì 14 novembre. Resta probabile il voto di fiducia, per un’approvazione veloce da parte di Montecitorio in vista del successivo passaggio del decreto in Senato.

Misure e novità

La riforma degli studi di settore prevede la trasformazione, a partire dal 2017, in indici di affidabilità fiscale, a cui sono collegati livelli di premialità per i contribuenti più affidabili, anche in termini di esclusione o riduzione degli accertamenti. Obiettivo: stimolare l’assolvimento degli obblighi tributari e il rafforzamento della collaborazione fra Fisco e contribuenti.

Sarà un decreto del ministero dell’Economia a individuare i nuovi indici sintetici. Quando entreranno in vigore, cesseranno di avere effetto tutte le attuali norme relative agli studi di settore.

Ampliata la voluntary disclosure bis anche a coloro che hanno già aderito alla prima procedura di emersione volontaria.

Sanzioni più basse

In materia di comunicazioni IVA, sanzioni più basse per l’omessa o errata trasmissione dei dati di ogni fattura: 2 euro per ogni fattura, fino a un massimo di mille euro a trimestre, e sanzione ridotta della metà (1 euro a fattura con tetto di 500 euro a trimestre) se la trasmissione è effettuata entro i primi 15 giorni dalla scadenza. Sanzione da 500 a 2mila euro per omessa, incompleta o infedele comunicazione IVA, anche in questo caso ridotta della metà se l’adempimento è effettuato nei 15 giorni successivi alla scadenza.

Fatturazione elettronica (servizio offerto anche da Elabora Online)

Per i contribuenti che scelgono la fatturazione elettronica dal 2017, due nuovi crediti d’imposta uno da 50 euro e un altro da 100 euro.

Fattura Elettronica

Scadenze e procedure fiscali

Per quanto riguarda scadenze e procedure fiscali, il 16 giugno resta il termine solo per IVA, IMU e TASI, mentre le tasse sul reddito, IRPEF, IRAP, e IRES, si pagheranno entro il 30 giugno. C’è anche la proroga al 23 luglio per la presentazione del 730 e la trasmissione a CAF e professionisti, sempre con il paletto in base al quale entro il 7 luglio bisogna aver smaltito almeno l’80% delle pratiche.

Si allunga la pausa estiva del Fisco, estesa all’intero mese di agosto: tutto fermo dal primo agosto al 4 settembre. Infine, la cedolare secca sugli immobili: la mancata comunicazione della proroga di un contratto d’affitto non comporta la cessazione del regime fiscale ma una sanzione da 50 a 100 euro.

Visita la sezione Finanziamenti agevolati di Elabora Online.

Dai uno sguardo al nostro Shop Online: clicca qui.


Inserisci la tua e-mail qui sotto per ricevere aggiornamenti settimanali con le news di Elabora Online!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.