Slitta al 23 settembre il termine per accedere all’avviso, emanato da Fondoprofessioni, il Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua degli studi professionali che include, tra gli altri: agronomi, agrotecnici, architetti, avvocati, commercialisti ed esperti contabili, consulenti del lavoro, dentisti, geologi, geometri, ingegneri, medici di medicina generale, medici pediatri, notai, periti industriali, psicologi, revisori contabili e veterinari. I destinatari dell’attività formativa sono le lavoratrici e i lavoratori dipendenti degli studi professionali.

OBIETTIVI

Fondoprofessioni, attraverso il presente Avviso, intende promuovere la partecipazione a Piani formativi concordati tra le Parti Sociali in favore degli studi professionali che hanno aderito al Fondo:

  • promuovendo, sostenendo e diffondendo la cultura della Formazione Continua;
  • migliorando la competitività degli studi professionali, nonché le competenze delle lavoratrici e dei lavoratori coinvolti nei percorsi formativi;
  • ampliando la platea dei beneficiari ai percorsi di formazione così da diffondere l’attività del Fondo stesso soprattutto per lo sviluppo delle strutture aderenti;
  • favorendo opportunità formative in grado di valorizzare il capitale umano attraverso percorsi professionalizzanti;
  • realizzando interventi di Formazione Continua volti allo sviluppo della logica di “rete” per favorire l’aggregazione e la cooperazione integrando saperi e competenze diverse;
  • diffondendo un approccio innovativo alla Formazione Continua, intesa come leva strategica per rispondere ai cambiamenti durante l’arco della vita e non solo a fronte dei fenomeni di crisi;
  • riconoscendo e valorizzando il ruolo della rappresentanza categoriale e territoriale nella lettura dei bisogni dei propri rappresentati, nella garanzia di concretezza ed efficacia dell’intervento formativo, nella priorità della effettiva crescita professionale rispetto alle valenze economiche del contributo;
  • contribuendo al rafforzamento di una rappresentanza attiva e orientata all’effettivo servizio agli aderenti, secondo i principi di una bilateralità positiva e mirata alla crescita di un intero sistema.

RISORSE FINANZIARIE

Le risorse allocate dal presente Avviso sono complessivamente pari ad euro 2.000.000,00 (duemilioni/00) e saranno destinate alla realizzazione di attività formative corsuali e seminariali a vantaggio degli studi professionali, ossia delle strutture che applicano il CCNL degli studi professionali.

Le risorse stanziate sono suddivise secondo il seguente schema:

TIPOLOGIA ATTIVITA’ FORMATIVE RISORSE STANZIATE
ATTIVITA’ CORSUALI € 1.500.000,00
ATTIVITA’ SEMINARIALI € 500.000,00
TOTALE € 2.000.000,00

PARAMETRI DEL FINANZIAMENTO

Il contributo per ogni singolo Piano formativo non può superare l’importo di euro 30.000,00 e gli importi indicati sono comprensivi di IVA e, se dovuti, di ogni altro onere ed imposta.

Parametri specifici delle attività corsuali:

  • I progetti prevedono una durata minima di 16h ed un massimo di 40h con un gruppo d’aula di almeno 4 e non oltre 16 beneficiari.
  • Il parametro massimo di contributo erogato per un’ora di formazione per lavoratore (costo ora/allievo) è fissato a € 20,00 portandosi a € 19,00 nel caso di progetti iterati.

Parametri specifici delle attività seminariali:

  • I progetti prevedono una durata minima di 4h ed un massimo di 12h con un gruppo d’aula di almeno 7 e non oltre 30 beneficiari.
  • Il parametro massimo di contributo erogato per un’ora di formazione per lavoratore (costo ora/allievo) è fissato a € 25,00 portandosi a € 24,00 nel caso di progetti iterati.

Si precisa che deve essere garantita, nell’ambito di ogni Piano formativo, per entrambe le tipologie di attività formativa, una percentuale almeno pari al 70% dei beneficiari ai quali si applica il CCNL degli studi professionali. È compito e responsabilità dell’Ente attuatore verificare l’osservanza di tale requisito per tutta la durata del Piano formativo, pena la revoca del finanziamento da parte del Fondo in caso di mancato rispetto.

DESTINATARI

I destinatari dell’attività formativa sono le lavoratrici e i lavoratori dipendenti per i quali gli studi professionali sono tenuti a versare il contributo di cui all’art. 12 della legge n. 160/1975, così come modificato dall’art. 25 della legge quadro sulla formazione professionale n. 845/1978 e successive modificazioni, e che siano in regola con l’adesione e il versamento a Fondoprofessioni attraverso l’invio del flusso Uniemens. Si ricorda che è possibile verificare tale adesione attraverso la raccolta del “cassetto previdenziale”, reperibile tramite il portale INPS – www.inps.it – all’interno del “fascicolo elettronico”, nella sezione “dati complementari”, per maggior tutela ai fini rendicontativi.

Nel dettaglio i destinatari sono:

  • i dipendenti lavoratrici e lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato;
  • i dipendenti lavoratrici e lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo determinato;
  • i dipendenti lavoratrici e lavoratori assunti con contratto di apprendistato.

Il Fondo, al fine di permettere l’integrazione delle competenze tra le diverse risorse interne, favorendo tra queste una sinergia di “rete” per consentire che il contesto lavorativo diventi luogo di condivisione di saperi, di esperienze, di visione dei problemi, consente di coinvolgere nelle attività formative in qualità di uditori della struttura in formazione, i datori di lavoro, i collaboratori coordinati e in regime di Partita IVA fino ad un incremento massimo del 70% del numero totale dei partecipanti al singolo progetto, senza alcun incremento di spesa, nel caso delle attività corsuali. Tale percentuale potrà arrivare fino ad un massimo del 100% del numero totale dei partecipanti al singolo progetto, nel caso delle attività seminariali. È inoltre possibile coinvolgere i dipendenti che godono di sgravi contributivi entro e non oltre la misura del 20% del totale dei partecipanti al Piano formativo.

Si segnala che non possono partecipare ai piani formativi finanziati nell’ambito dell’Avviso gli enti beneficiari che abbiano precedentemente aderito ad un conto formativo A.F.A. Inoltre gli enti beneficiari di un piano formativo finanziato tramite il presente Avviso potranno aderire ad un conto formativo A.F.A. solo in seguito all’eventuale data di saldo del piano stesso.

Visita la sezione Finanziamenti agevolati di Elabora Online: clicca qui.

Non dimenticarti di seguire tutte le altre news su Studio Russo Giuseppe!

Per maggiori informazioni ecco il link dell’avviso di Fondoprofessioni.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.