L’Apprendistato, regolato dal Testo Unico d.lgs. 167/2011, è considerato lo strumento-chiave per consentire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro con un contratto che offre stabilità e garanzie. Il datore di lavoro è tenuto a erogare all’apprendista, non solo la retribuzione della prestazione lavorativa, ma anche una formazione professionale. A fronte di questo impegno, sono previsti sgravi contributivi.

I vantaggi per le aziende che assumono apprendisti

Le aziende che assumono giovani con contratto di Apprendistato godono di:

    • incentivi contributivi: Incentivi contributivi: ai datori di lavoro di imprese con meno di 9 dipendenti, che assumono apprendisti dal primo gennaio 2012 fino al 31 dicembre 2016, è riconosciuto uno sgravio del 100% dei contributi per 3 anni. Le imprese con più di 9 dipendenti sono soggette a una contribuzione per gli apprendisti del 10%.
    • incentivi normativi: gli assunti con contratto di Apprendistato non rientrano nella base di calcolo per l’applicazione di particolari istituti previsti dalla legge o dalla contrattazione collettiva.
    • incentivi economici: in base agli accordi interconfederali o ai contratti collettivi nazionali l’apprendista può essere retribuito secondo criteri vantaggiosi per le imprese.
    • incentivi fiscali: le spese sostenute per la formazione degli apprendisti sono escluse dalla base per il calcolo dell’IRAP.

     

Conseguimento di Titoli di Laurea triennale, magistrale, a ciclo unico

Le aziende lombarde che assumono uno studente universitario possono concordare con l’Università un progetto formativo per il conseguimento della laurea che tenga conto, oltre che del curriculum e del piano di studi dello studente, delle esigenze delle aziende per la formazione di figure professionali specifiche.

Il contributo regionale per il percorso formativo in apprendistato può ammontare:

per la laurea triennale, da € 12.000 a € 16.000

per la laurea magistrale, da € 10.000 a € 15.000


 

Per approfondimenti sull’argomento

contattaci - elaboraonline.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *