Riforma Pensioni 2017 in Legge di Stabilità per i professionisti: cumulo contributi pensione di vecchiaia e anzianità. No all’anticipo APE.

L’unica novità del 2017 nella Riforma Pensioni per i professionisti riguarda la possibilità di cumulo gratuito dei contributi. Non c’è invece il diritto all’anticipo pensionistico APE.

Cumulo gratuito

Il cumulo pensioni rappresenta una novità doppia:

  1. l’inclusione dei professionisti nella platea dei beneficiari, che prima includeva solo dipendenti pubblici e privati, autonomi e iscritti alla gestione separata;
  2. l’estensione del cumulo pro quota dei periodi contributivi prima limitato ai soli fini della pensione di vecchiaia, anche a quelli della pensione anticipata, per tutti quanti.

Dal 2017, quindi, i professionisti possono cumulare gratuitamente contributi versati alla cassa professionale di appartenenza. Risultato, il raggiungimento della pensione, che viene calcolata pro quota in base alle regole delle diverse gestioni.

Armonizzazione

Quest’ultima pone una serie di questioni: le casse dei professionisti prevedono requisiti diversi per il raggiungimento della pensione di vecchiaia o anticipata.

La regola generale, resta quella prevista dal comma 241 della legge 228/2012, che ha istituito il cumulo, in base alla quale il diritto alla pensione di vecchiaia: “è conseguito in presenza dei requisiti anagrafici e di contribuzione più elevati fra quelli previsti dai rispettivi ordinamenti che disciplinano le gestioni interessate”.

Il diritto alla pensione quindi, non si consegue necessariamente in base alle regole INPS e forme sostitutive: nel caso in cui la cassa professionale di appartenenza richieda requisiti più stringenti, valgono quest’ultimi.

Grosso modo, sono più severi i paletti previsti dalla legge Fornero per le forme di assicurazione generale obbligatoria.

I professionisti sono invece esclusi dall’anticipo pensionistico APE:

  • non possono dunque andare in pensione a 63 anni chiedendo il finanziamento e poi restituendo l’importo a rate con la maturazione della pensione;
  • non hanno diritto alla APE sociale;
  • le lavoratrici non hanno diritto all’Opzione Donna, non hanno i nuovi benefici previsti per i lavoratori precoci.

Scopri tutti i servizi telematici del commercialista: clicca qui.

Iscriviti alla newsletter e resta aggiornato con le nostre circolari:

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.