L’istituto della trasformazione ha subito radicali e incisive variazioni nel passaggio fra la disciplina del codice civile del 1942 e quella ridisegnata dal decreto legislativo 17 gennaio 2003, n.6.

Quella di maggior rilievo è la previsione, degli articoli 2500-septies e 2500- octies, mirata a legittimare le trasformazioni c.d. “eterogenee”.

Del tutto particolare è però il caso di trasformazione da Associazione Sportiva Dilettantistica in Società di Capitali a causa della normativa specifica che regola la materia.

Maggiori dettagli

Le società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata possono ora trasformarsi in consorzi, società consortili, le comunioni di azienda, associazioni non riconosciute e fondazioni; analogamente i consorzi, le società consortili, le comunioni di azienda, le associazioni riconosciute e le fondazioni possono trasformarsi in società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata.

Articolo 2500 – septes

Questo prevede la trasformabilità delle società di capitali in associazioni non riconosciute.

Articolo 2500 – octies

Prevede la trasformabilità in società di capitali delle sole associazioni riconosciute. Facendo riferimento all’ultima fattispecie, se ad attuare questa specie di trasformazione sono stati ammessi enti come consorzi (soggetti di diritto non personificati) e perfino le comunioni di azienda (che non sono neanche soggetti di diritto diversi ed autonomi rispetto alle persone dei comunisti), ciò sta a significare che non occorre essere già persone giuridiche per trasformarsi in società di capitali, per cui sfugge la ratio di questa limitazione, della quale nella relazione accompagnatoria non è data spiegazione.

Principi di maggior rilievo

Tra questi c’è:

  • il principio che sancisce la continuità dei rapporti giuridici, sostanziali e processuali, dell’ente trasformato. Principio secondo cui la trasformazione non determina l’estinzione di un soggetto e la creazione, al suo posto, di un soggetto nuovo. Al contrario agisce soltanto sul piano della variazione delle regole di organizzazione e dello scopo del soggetto che la subisce, il quale resta uno ed uno solo, avocando a sé tutti i diritti e gli obblighi che aveva anteriormente alla trasformazione e conservando la titolarità di tutti i rapporti giuridici da cui era precedentemente interessato.

Articolo 2500 – octies c.c.

Il primo libro del codice civile disciplina le associazioni caratterizzate, sul piano causale, dal fatto di essere senza scopo di lucro. Ciò significa che ai soci ed agli amministratori è preclusa la ripartizione di avanzi di gestione nella forma della distribuzione, diretta o indiretta, di utili: ovvero di appropriarsi del residuo netto al momento della liquidazione.

Con la trasformazione eterogenea, ritenuta prima preclusa, l’associazione può sostituire la causa associativa adottando una finalità lucrativa ai sensi dell’articolo 2247 codice civile.

l’articolo 2500 – octies, comma 3, codice civile, che vieta la trasformazione eterogenea per “le associazioni che abbiano ricevuto contributi pubblici oppure liberalità e oblazioni dal pubblico”, trova fondamento nella specifica considerazione della funzione della causa non lucrativa. Infatti, sia i soci sia tutti coloro che intrattengono rapporti (anche a titolo gratuito), agiscono sul presupposto che tali prestazioni sono destinate esclusivamente al conseguimento dello scopo sociale dell’ente e non a favore dei soci e/o degli amministratori.

Non diverso è il fatto che i contributi pubblici, nelle forme delle esenzioni fiscali ovvero dei finanziamenti diretti, sono attribuiti non solo in ragione dell’attività svolta dall’ente, ma anche del regime giuridico del soggetto destinatario di tali contributi. Attraverso la trasformazione eterogenea, i soci dell’associazione non lucrativa possono appropriarsi soggettivamente di un patrimonio che non è intrinsecamente loro e che non hanno contribuito a formare.

Legislazione speciale

A questo punto bisogna verificare se la nuova norma codicistica abbia abrogato le norme previgenti che nella legislazione speciale autorizzavano la trasformazione di una associazione in una diversa forma giuridica, ovvero, che alternativamente si sovrapponga, integrandola, alla disciplina previgente.

Da chiarire resta la “disciplina previgente”, che deve intendersi:

  1. la trasformazione in società di capitali professionistica necessaria ai sensi dell’articolo 10 della legge 91/1981, come modificata dal decreto legge 20 settembre 1996, n. 485, al fine di poter stipulare contratti con atleti professionisti (vicenda che comporta assunzione di una causa lucrativa in luogo di una precedente causa non lucrativa);
  2. la trasformazione di associazioni sportive in società sportive dilettantistiche costituite in forma di società di capitali, e viceversa, ai sensi dell’articolo 90, comma 18, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 e successive modificazioni (vicenda che non comporta invece alcuna modificazione causale, data l’assenza di fine di lucro che caratterizza necessariamente le società sportive dilettantistiche anche se costituite in forma di società capitali).

Per l’abrogazione implicita della nuova norma, bisogna vedere se l’interprete possa giovarsi del noto criterio interpretativo, in ordine al quale la lex generalis posteriore non abroga la lex specialis anteriore”.

Il legislatore della riforma del diritto societario ha scelto di non operare abrogazioni formali, compito assai arduo, e suscettibile di essere compiuto solo una volta che le novità della riforma fossero state effettivamente recepite dal sistema, sì che si è ritenuto preferibile la via della abrogazione tacita.

Anche se la regola che fa leva sul rapporto tra specialità e generalità nella successione temporale delle norme, non riveste un valore assoluto, essa deve essere accolta in ragione delle seguenti considerazioni.

Nella trasformazione eterogenea, l’ordinamento ha valutato la possibilità di modificare il connotato causale dell’ente. Mentre, però, la norma sulla trasformazione eterogenea costituisce una fattispecie generale che riguarda tutti i possibili aspetti di interessi riferibili alla causa non lucrativa, al contrario, le disposizioni contenute nelle leggi speciali valutano una particolare vicenda tipizzata, rispetto alla quale era possibile la trasformazione in un contesto in cui tale facoltà non era, in termini generali, consentita. Quindi a maggior ragione la fattispecie individuata in termini di eccezione dal legislatore allora, deve essere possibile oggi.

Trasformazione eterogenea: disciplina codicistica

La trasformazione di un’associazione sportiva dilettantistica in società di capitali deve essere considerata alla stregua di una trasformazione “casualmente omogenea” e non rientra nella fattispecie dal legislatore all’articolo 2500 – octies codice civile, non potendosi considerare a quei fini una trasformazione eterogenea. Dunque una mera modificazione strutturale dell’assetto organizzativo di un’associazione senza scopo di lucro non determina una modificazione causale se, alla trasformazione, risulti senza scopo di lucro.

Le associazioni sportive possono continuare a trasformarsi in forma societaria secondo le norme speciali espressamente previste per la particolare fattispecie, se gli atti di trasformazione siano “direttamente connessi allo svolgimento dell’attività sportiva” e la società risultante dalla trasformazione preveda, al pari dell’associazione, l’assoluta assenza di ogni scopo di lucro.

Entrano in gioco le società sportive professionistiche

Diverso, a seguito dell’introduzione dello scopo di lucro per le società sportive dilettantistiche nel decreto legge n. 485 del 1996, risulta il ragionemento per l’ipotesi della trasformazione di associazione sportiva (dilettantistica) in società sportiva professionistica, stante la modificazione causale che tale vicenda comporta per l’ente. La trasformazione in oggetto, già ammessa dalla legge n. 91 del 1981, quale presupposto necessario al fine di stipulare contratti con atleti professionisti, a seguito di “promozione sportiva” configura una vicenda che, seppure qualificabile quale trasformazione eterogenea ai sensi dell’articolo 2500 – octies codice civile, resta a sua volta sottoposta alla legislazione speciale di cui alla medesima legge n. 91 del 1981.

Limiti alla trasformazione eterogenea: legislazione speciale

Gli argomenti trattati fin’ora devono essere considerati conclusivi e assorbenti, cioè tali da escludere che la trasformazione in società delle associazioni sportive in generale, sia preclusa dall’articolo 2500 – octies codice civile.

Occorre valutare in questo contesto se, una volta giustificata la legittimità di una trasformazione da associazione in società sportiva di capitali sulla base della legislazione speciale in materia, sia anche applicabile al caso di specie, per quanto non disposto dalla stessa legislazione speciale, la specifica disciplina di cui all’articolo 2500 – octies codice civile, ed in particolare il limite alla trasformazione nel caso in cui l’associazione abbia usufruito di contributi pubblici.

E’ opportuno affrontare il problema distinguendo tra:

  1. trasformazione di associazione dilettantistica in società di capitali dilettantistica;
  2. trasformazione eterogenea di associazione dilettantistica in società di capitali professionistica;
  3. trasformazione eterogenea di associazione non riconosciuta.

a) Trasformazione di associazione dilettantistica in società di capitali dilettantistica e contributi fiscali neutrali rispetto alla forma.

La norma di cui all’articolo 2500 – octies codice civile è finalizzata alla tutela della fede pubblica della destinazione dei contributi ai fini per cui sono stati destinati. A questo punto bisogna dedurre che non sono precluse le operazioni di trasformazione nel caso in cui i contributi pubblici di cui ha beneficiato l’associazione siano neutrali rispetto alla forma.

In tali casi il contributo pubblico è attribuito indipendendemente dalla forma giuridica adottata e dalla causa, ma in ragione della specifica attività che si intende incentivare e tutelare.

E’ questo il caso dell’attività sportiva dilettantistica, la cui disciplina fiscale, è stata interpretata nel senso della sua applicazione sia alle associazioni che alle società sportive dilettantistiche.

b) Trasformazione eterogenea di associazioni dilettantistiche in società professionistiche.

La norma contenuta nell’articolo 2500 – octies codice civile deve coordinarsi con l’articolo 223 – octies delle disposizioni di attuazione al codice civile, che prevede che la trasformazione eterogenea è consentita alle associazioni costituite prima del 1° gennaio 2004 soltanto quando non comporti distrazione, dalle originarie finalità, di fondi o valori creati con contributi di terzi o in virtù di particolari regimi fiscali di agevolazione, salvo in questo ultimo caso che siano preventivamente versate le relative imposte.

La disposizione leggittima una lettura funzionale della fattispecie, collegando la tutela dell’interesse pubblico ai poteri di disposizione del patrimonio sociale, pensate in ragione delle finalità in concreto perseguite.

Sembra dunque inutile dubitare, che nella trasformazione di associazione sportiva dilettantistica in società professionistica, vi siano distrazioni dalle originarie finalità per cui è dettato il peculiare regime fiscale, volto a facilitare le incombenze contabili e fiscali degli enti che abbiano esclusivamente un fine sportivo.

Sarà quindi fondamentale, in questo senso, il risultato economico e contabile che deriva dalla perizia giurata e della sua applicazione da parte degli amministratori.

Ovviamente non varranno più le agevolazioni fiscali previste per i sodalizi sportivi a carattere dilettantistico per la società professionistica risultante dalla trasformazione.

c) Trasformazione eterogenea delle associazioni non riconosciute

Il divieto per le associazioni non riconosciute di entrare nell’elenco degli enti ammessi alla trasformazione progressiva, trova fondamento nell’intento del legislatore di vietare la trasformazione ad enti che non offrono la garanzia di una accertata consistenza patrimoniale.

Tuttavia la possibilità di applicare le norme medesime anche alla trasformazione di associazioni non riconosciute in società deriva dalla valutazione di tre considerazioni:

  1. tale modifica dell’atto costitutivo non lede alcun interesse generale né quello dei creditori, essendo consentita anche a centri di interesse privi di soggettività;
  2. anteriormente alla riforma del diritto societario, un indirizzo giurisprudenziale ammetteva la trasformazione di associazione non riconosciuta in società cooperativa;
  3. perchè il regime della trasformazione si caratterizza per la continuità dell’esercizio dell’impresa, rispetto alla quale la forma giuridica di imputazione assolve un ruolo meramente strumentale.

Conclusioni e rinvio

Bisogna, dunque, arrivare alle seguenti conclusioni:

  1. l’articolo 2500 – octies codice civile non ha abrogato le norme previgenti che autorizzavano la trasformazione da associazione sportiva in società sportiva, dilettantistica oppure professionistica;
  2. la trasformazione da associazione sportiva dilettantistica, quando pure abbia ricevuto contributi ovvero usufruito delle agevolazioni fiscali di favore previste dalle leggi speciali, in società sportiva dilettantistica o professionistica non è preclusa dall’articolo 2500 – octies comma 3 codice civile.
  3. la disciplina della trasformazione eterogenea può applicarsi in via analogica anche alle associazioni non riconosciute.

Scopri tutti i servizi telematici del commercialista: clicca qui.

Iscriviti alla newsletter inserendo i tuoi dati in basso:

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *