Il MIUR ha pubblicato un avviso a presentare, due tipologie di proposte progettuali, da parte delle università statali e non statali. Contamination Lab ha l’obiettivo di creare, sviluppare e potenziare all’interno delle Università italiane un luogo di impulso della cultura dell’imprenditorialità e dell’innovazione mentre CLab Network sostiene la creazione e lo sviluppo di un’unica rete di CLab, intesa come “aggregatore di CLab”.

Oggetto e finalità

Il PNR prevede, sulla scorta della precedente esperienza avviata con il PAC Ricerca, un rafforzamento dell’investimento nei Contamination Lab (CLab), luoghi di contaminazione tra studenti universitari e dottorandi di discipline diverse. I CLab sono luoghi di impulso della cultura dell’imprenditorialità e dell’innovazione, finalizzati alla promozione dell’interdisciplinarietà, di nuovi modelli di apprendimento e allo sviluppo di progetti di innovazione a vocazione imprenditoriale e sociale, in stretto raccordo con il territorio.

Le Linee Guida “Contamination Lab” 2016 realizzate a cura del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (MIUR) sono parte integrante del presente Avviso.

Obiettivi

Con il presente Avviso il MIUR invita i soggetti di cui al successivo articolo 3 a presentare proposte progettuali che abbiano l’obbiettivo di creare, sviluppare e potenziare un Contamination Lab (CLab) all’interno delle Università italiane.

Soggetti ammissibili

I progetti possono essere presentati da università statali e non statali.

Ogni università, in risposta al presente Avviso, può presentare una sola domanda per la creazione o lo sviluppo e potenziamento di un proprio CLab.3. Nella definizione dei Progetti i soggetti di cui al precedente comma debbono indicare i partner esterni che collaboreranno allo sviluppo delle attività dei CLab, come descritto nelle Linee Guida.

Nel caso di proposte progettuali presentate da soggetti che non hanno ancora avviato l’esperienza del CLab, questi potranno beneficiare, attraverso adeguate collaborazioni, dei processi testati dai CLab già esistenti.

Durata e entità del contributo

Ogni progetto dovrà avere una durata massima di 36 mesi.

Ogni progetto potrà essere finanziato per un massimo di 300.000 Euro.

Risorse finanziarie disponibili, forme e modalità di agevolazione

Per il finanziamento dei progetti di cui al presente Avviso, il MIUR mette a disposizione risorse, a carico del Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC), per complessivi 5 milioni di euro (di cui 50.000 euro, corrispondenti all’1% della dotazione complessiva del presente avviso, riservati alle attività di valutazione e monitoraggio).  La disponibilità finanziaria netta (pari a 4,95 milioni di euro) sarà inoltre ripartita, sulla base della graduatoria  risultante dalla valutazioni effettuate dal panel di cui al successivo articolo 8,  secondo la seguente distribuzione territoriale:

  • Mezzogiorno: 2,97 milioni di euro;
  • Centro – Nord: 1,98 milioni di euro.

Nell’ambito delle disponibilità nette riportate al comma precedente, una quota massima di 150 mila euro sarà riservata all’intervento Creazione e sviluppo della rete dei CLab.

Il MIUR interverrà a sostegno delle proposte selezionate nella misura del 100% dei costi ammissibili al netto dei costi di personale di ruolo a tempo indeterminato.

Elaborazione dati contribuenti Forfettari

Creazione e sviluppo della rete dei CLab

Il MIUR intende sostenere  la creazione e lo sviluppo di un’unica rete di CLab, intesa come “aggregatore di CLab”, conformemente a quanto indicato nelle Linee Guida 2016 allegate al presente Avviso.

La proposta di costituzione del CLab Network deve essere avanzata da una singola Università, che si configurerà come soggetto capofila delle funzioni di accompagnamento e coordinamento. La rete dovrà coinvolgere tutti gli Atenei che ospitano un CLab sul territorio nazionale.

Ogni Università, in risposta al presente Avviso, può presentare una sola domanda per la creazione e sviluppo del CLab Network.

Il progetto di rete dovrà avere una durata di 36 mesi.

Il progetto potrà essere finanziato per un massimo di 150.000 Euro.


Servizi telematici del commercialista: clicca qui.

Visita la sezione Finanziamenti agevolati!

Avviso dell’intervento qui.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.